SCUOLA 21

Il CFP Galdus, negli anni scolastici 2012-13 e 2013- 2014, realizzerà il progetto A SCUOLA CON ENERGIA, finanziato da Fondazione Cariplo, sul dispositivo Scuola 21. Il progetto si articola in 4 fasi, coinvolgendo diversi soggetti attivi nel campo dell’educazione ambientale e della sensibilizzazione circa i temi dello sviluppo sostenibile. Molti esperti del mondo della ricerca e del lavoro entreranno in aula a lavorare con i nostri studenti, il corpo docenti del CFP Galdus collaborerà all’interno del progetto con l’Associazione no profit Anni Verdi, con aziende del settore dell’energia e del fotovoltaico, con Casa dell’Energia di A2a a Milano, con Museo della Scienza e della tecnica e i nuovi laboratori sull’Energia, con l’Ass. Verdeacqua, con Fondazione Minoprio e Università Bicocca.

I partecipanti al progetto saranno 2 gruppi classe, una seconda del corso triennale “operatore elettrico” ed una seconda del corso triennale “operatore elettronico”. In particolare il piano formativo del corso dell’OPERATORE ELETTRICO, anche grazie all’in put dato dal Bando Scuola 21, è stato recentemente rivisto e attualizzato con l’introduzione di moduli specifici dedicati alle fonti energetiche rinnovabili, in particolare al fotovoltaico, alla domotica e alla certificazione energetica degli edifici. Nello specifico, considerata la professione futura dei nostri corsisti, che li porterà a lavorare nell’ambito dell’utilizzo e della distribuzione dell’energia, soprattutto quella elettrica, è fondamentale una sensibilizzazione ai problemi del risparmio energetico e dell’uso consapevole delle risorse presenti in natura. Nel corso del progetto gli studenti acquisiranno capacità critiche utili a rileggere i problemi locali, attraverso il contributo delle diverse discipline, in uno scenario globale, al fine di adottare comportamenti adeguati a uno stile di vita responsabile. Per pensare di incidere con la nostra programmazione sugli stili di vita dei cittadini di domani, il progetto partirà dal senso elementare che sottende lo studio dei problemi che la realtà attuale ci impone (energia, costi, inquinamento, impatto sul territorio…), calarsi nella realtà, leggerla con lo sguardo articolato che diversi approcci del sapere possono mettere in gioco (interdisciplinarietà) nell’analisi rigorosa e nella soluzione di problemi, applicandola al caso delle tematiche ambientali, con metodologie attive e motivanti (innovatività), con l’apporto specifico e appassionato di esperti professionisti di settore e ricercatori all’avanguardia (formazione dei formatori, alta formazione), che potenzino strumenti educativi che suscitino e rafforzino lo spirito critico, il sapere esperienziale e il senso di appartenenza al proprio territorio, avvicinando il territorio alla scuola e la scuola al territorio in un vivificante incontro.

Gli obiettivi che il progetto si prefigge sono:

  • ampliare le conoscenze dei giovani in merito alla sostenibilità, al consumo critico, alle fonti di energia rinnovabili, all’energia fotovoltaica e alla domotica
  • creare un linguaggio comune, scientificamente adeguato, che consenta di modificare l’ atteggiamento verso aree significative del sapere
  • promuovere una cultura dell’ambiente e l’amore per il pianeta
  • riappassionare al sapere e al percorso scolastico e personale, a partire dallo sviluppo di consapevolezza circa la possibilità di incidere sulla realtà, aumentando il senso di autoefficacia, attraverso un progetto, che implichi di entrare operativamente in contatto con la realtà (visite di campo, incontri con esperti, testimonianze, laboratori…)
  • realizzare opere che rispettino e valorizzino l’ambiente (studio alimentazione energetica, progettazione impianti, messa in opera a scuola di impianti a cura dei ragazzi affiancati da esperti)

Il progetto è articolato in 4 fasi, le prime tre fasi saranno realizzate in questo anno scolastico, la quarta fase sarà realizzata il prossimo anno scolastico.